Milano

Disponibilità: Disponibile

€ 18,00
Milano

L‘insegna Viscontea, IL BISCIONE, definita da Dante Alighieri «la vipera che il milanese accampa» trova remote origini nelle imprese guerresche compiute dai Visconti in Terra Santa.
Siamo negli anni mille quando Eriprando Visconti, «milite millenario», ossia condottiero di mille soldati, inizia quella serie di imprese che portarono i Visconti a incontrastati «Signori di Milano».
Con Papa Urbano III, nell'anno del Signore 1187, i Cristiani erano impegnati nelle guerre in Terra Santa; nelle vicinanze di Gerusalemme era accampato Ottone Visconti con le sue Truppe. Un principe Saraceno di eccezionale Valore lo sfidò a duello.
Ottone portava per insegna 7 corone scolpite sullo scudo perchè aveva vinto 7 fortissimi uomini; il Saraceno portava a cimiero sul proprio elmo una grossa serpe che ingoiava un infante con cui, a dileggio dei cristiani, intendeva rappresentare Gesù Bambino. Ottone, uscì vincitore dal duello, tolse le insegne al nemico e tornato in patria coperto di gloria per aver schiacciato l'esercito saraceno cosi come si schiacciano dei serpenti, donò le insegne strappate al nemico alla Cattedrale di Milano. Decise poi che, tutti i suoi successori, avrebbero portato per singolare segno distintivo un biscione a sette spire.
Variante

* Campi obbligatori

€ 18,00

Dettagli

Milano È il secondo comune italiano per popolazione, dopo Roma, il tredicesimo comune dell'Unione europea per popolazione e costituisce il centro di una delle aree metropolitane più popolate del mondo. Fondata dagli Insubri all'inizio del VI secolo a.C., fu conquistata dai Romani nel 222 a.C. e fu chiamata Mediolanum; accrebbe progressivamente la sua importanza fino a divenire una delle sedi imperiali dell'Impero romano d'Occidente. Durante la sua storia assunse svariati ruoli, tra i quali capitale, nonché principale centro politico e culturale, del Ducato di Milano durante il Rinascimento e capitale del Regno d'Italia durante il periodo napoleonico. In ambito culturale, Milano è dal XIX secolo il massimo centro italiano nell'editoria, sia libraria sia legata all'informazione, ed è ai vertici del circuito musicale mondiale grazie alla stagione lirica del Teatro alla Scala e alla sua lunga tradizione operistica. Divenne "capitale economica italiana" durante la rivoluzione industriale che coinvolse l'Europa nella seconda metà del XIX secolo, costituendo con Torino e Genova il "Triangolo industriale". Da questo periodo in poi e soprattutto dal dopoguerra, subì un forte processo di urbanizzazione legato all'espansione industriale che coinvolse anche le città limitrofe, e fu meta principale durante il periodo dell'emigrazione interna. Nell'ultimo secolo la città ha stabilizzato il proprio ruolo economico e produttivo, divenendo il maggiore mercato finanziario italiano; è inoltre una delle capitali mondiali della moda e del disegno industriale ed uno dei centri universitari italiani più importanti. Alle porte di Milano ha sede uno dei poli della Fiera di Milano, il maggiore polo fieristico d'Europa. Per questi motivi conquista il titolo di Città globale, classificandosi come l'unica città italiana nella lista delle Città Mondiali Alfa.

© 2014 Spaghetti Connection